Voto alle politiche? Un mezzo diritto

Laura Castelletti, 23 gennaio 2013 » non mi piace, politica

apprendo dai giornali che per le elezioni politiche di fine febbraio ho a disposizione 20 liste alla camera, 28 liste al senato, più di 1000 candidati di cui 300 da brescia e, contemporaneamente, nessuna possibilità d’indicare chi mandare a roma a rappresentare gli interessi del mio territorio. tanta “merce”, zero possibilità di scelta.

e’ la ragione per la quale nutro quel tanto di rancore che basta nei confronti di chi non ha saputo, o peggio non ha voluto, sostituire il porcellum con una legge elettorale che mi dia la possibilità di scegliere, attraverso il mio voto, un candidato/ una candidata per i quali ho stima e fiducia.

mi sento “costretta” e non “libera” nella mia scelta, come se esercitassi un diritto a metà… un mezzo diritto.

brutta sensazione.

 

 

condividi:

Lascia un Commento