Una lettera al Direttore che mi riguarda

Laura Castelletti, 9 dicembre 2010 » Loggia, mi piace, politica

Ieri è comparsa, tra le lettera al Direttore del Giornale di Brescia, una lettera a firma Dionigi Guindani che mi riguarda. E’ la naturale risposta a tante affermazioni politiche (molte fuoriluogo perchè infondate) che mi hanno visto protagonista in queste settimane. Mi ha fatto piacere che l’abbia scritta, è la conferma che scelte difficili e complicate sono state condivise con convinzione oltre che in amicizia.

Gentil Direttore,

Castelletti non è sola.

In questi giorni si è più volte ventilata l’ipotesi di un ingresso di Laura Castelletti nella Giunta del Comune di Brescia , proposta di cui tutti hanno parlato ( proposta cara al Sindaco Paroli), ma che nessuno ha mai formalizzato come si evince dal comunicato della Castelletti.

Su questa fantomatica voce numerose sono state le dichiarazioni. Si è scomodato persino l’autorevole esponente del PD Bragaglio , attualmente sospeso dal partito, ma sempre e comunque autorevole per dire la sua (“la richiesta di dimissioni del Sindaco dopotutto sono un modo per aiutare lo stesso Paroli a sbrogliare la matassa del difficile rimpasto di Giunta. Magari per coinvolgere una parte dell’attuale minoranza in Loggia, che dovrebbe entrare in Giunta per puntellare un Paroli traballante nel bel mezzo d’una buriana che lo ha così pesantemente delegittimato”).

In occasione della conferenza stampa che i partiti della maggioranza hanno dovuto fare per difendere il loro Sindaco (il migliore d’Italia stando alle dichiarazioni della Beccalossi) e i loro Assessori un po’ incriminati (speriamo a torto…) anche l’On. Beccalossi, nello sbandierare il clima di serenità della Giunta e la correttezza nella gestione delle carte di credito, ha sentito il dovere di esprimere il suo legittimo dissenso sulla ventilata ipotesi Paroli (quindi non è il miglior Sindaco se fa proposte che lei non condivide) utilizzando però ragionamenti quanto mai contraddittori.

L’on. Beccalossi dichiara infatti che” l’armonia che si è creata all’interno di questa maggioranza è troppo importante perché possa essere messa a repentaglio per far posto ad una nuova componente che oltretutto non rappresenta un partito ma una singola persona” .

Ed è su questo passaggio che vorrei ricordare come , solo pochi mesi fa , in occasione delle elezioni regionali , la stessa Beccalossi chiese a Laura Castelletti di candidarsi nella lista del pdl. C’era, a dire della Beccalossi la necessità di personalità esterne capaci di portare consensi al PDL utili allo stesso per vincere la sfida con la Lega e Laura poteva essere molto utile alla causa in quanto personalità conosciuta e da molti stimata.

Ma se è “singola persona” perché la voleva nella sua lista ? Non pare evidente alla Beccalossi una qualche contraddizione nelle sue affermazioni?

Premesso che condivido pienamente la scelta di Laura di non entrare in quella lista ; premesso che condivido la posizione di Laura , espressa attraverso la stampa sulla vicenda del suo eventuale ingresso in Giunta “nessuno mi ha interpellato per prospettarmi obiettivi realizzabili per la nostra città, nè nell’immediato nè con prospettive di più ampio respiro. Ogni voce diffusa nelle ultime settimane a proposito della mia collocazione nello scenario politico amministrativo della Loggia è quindi del tutto infondata e priva di senso , Voglio ricordare all’on. Beccalossi che Laura Castelletti è una singola persona come lo siamo tutti, ma che oltre ad essere presenza attiva in consiglio comunale è anche Presidente di “Brescia per Passione” – Una associazione nata dall’incontro di un gruppo di cittadini e cittadine che hanno voglia di occuparsi della loro città e del loro territorio, da personalità politiche e amministrative che provengono dall’area Socialista Bresciana.

I numerosi Socialisti che hanno contribuito alla nascita di “Brescia per passione” lo hanno fatto non solo perché non hanno più condiviso la linea del Partito a livello nazionale ma anche perché hanno intuito che , chiusi all’interno di un piccolo partito anche se con alle spalle una gloriosa storia , si sarebbero preclusi la possibilità dell’incontro, come invece è avvenuto con un gruppo di giovani donne e uomini che con rinnovato entusiasmo partecipano alla vita politica , culturale, sociale e amministrativa della città.

Quindi non un Partito, ma un contenitore importante, ricco di risorse umane e di competenze utili all’attività amministrativa non solo della città ma anche dei comuni della provincia dove l’associazione è insediata, punto di incontro per discutere di tematiche legate al territorio, all’ ambiente , all’urbanistica , ai temi della cultura e alle problematiche del sociale oggi così sentite dalle persone.

Non rivendichiamo certo la rappresentanza del variegato e già fin troppo rappresentato mondo Socialista, penso non lo possa fare nessuno a Brescia nemmeno chi alle ultime elezioni regionali si è candidato nelle liste dell’ l’UDC ; semplicemente rappresentiamo quella parte dei Socialisti che hanno scelto di portare la loro “bandiera”, la loro storia , le loro competenze, i loro ideali in un contenitore fatto di passione , di idee , di affetti, di progetti e capace di avere una visione della città capace di guardare al futuro.

Questa è la missione di Laura Castelletti ma anche quella di tutti noi, dei molti amici e compagni che con lei stanno facendo questo nuovo percorso, difficile ma entusiasmante. Qui si c’è armonia e serenità.

Brescia, 2 Dicembre 2010

Dionigi Guindani


condividi:

15 Responses to “Una lettera al Direttore che mi riguarda”

  1. Stefi ha detto:

    Condivido il pensiero di Gigi e il suo sostegno a Laura. Insieme a lei si è costruito un’associazione di persone unite dal desiderio di rendere migliore Brescia. Un gruppo di cittadini, ognuno con la propria storia non sempre di militanza politica ma non per questo meno importante, che contribuisce con idee ed iniziative a proporre una nuova visione di città, più sana, solidale e bella.

  2. maria ha detto:

    E bravo Guindani! Invece la Beccalossi, come sempre, non perde occasione per dimostrare idee perlomeno confuse.

  3. roberto ha detto:

    E’ da pochi giorni che faccio parte dell’associazione, ma ne seguo le “gesta” fin da quando è nata, posso quindi affermare con certezza che tutto quanto ha scritto Guindani corrisponde al vero, ma c’è una cosa in particolare da sottolineare ed è l’ultimo pensiero della sua lettera: “Qui si c’è armonia e serenità”.
    La gentilezza di Laura che, pur non conoscendomi, mi ha accolto a braccia aperte, il potersi confrontare con gente più o meno giovane di te, ma soprattutto idee, tante idee da condividere per migliorare la città.
    Questa condivisione ha fatto si che Laura non fosse mai sola (forse chi ha detto ciò parla mosso dall’invidia) e le permetterà in futuro, speriamo a breve, di tramutare in realtà il sogno di “Brescia per passione” ovvero far tornare Brescia, in chiave più moderna e vivibile e civile, “Leonessa d’Italia”.

  4. roberto ha detto:

    Ps: Due numeri per dire di quanto Laura era “sola” nel 2008
    7835 – 6.6% ed ora sono sicuramente molti di più……..

  5. agostino ha detto:

    “nessuno mi ha interpellato per prospettarmi obiettivi realizzabili per la nostra città, nè nell’immediato nè con prospettive di più ampio respiro. Ogni voce diffusa nelle ultime settimane a proposito della mia collocazione nello scenario politico amministrativo della Loggia è quindi del tutto infondata e priva di senso”.
    E ALLORA PERCHE’ NE PARLATE?

  6. Mafalda ha detto:

    Caro Agostino, forse ti è sfuggito un particolare e cioè che la stampa locale per giorni ha parlato di questa eventualità , da qui la necessità da parte di Laura e nostra di fare chiarezza. Ti pare chiaro il perchè ne parliamo ?

  7. Indira ha detto:

    Ma si deve chiedere ad Ago stino il permesso prima di parlare ? Così come c’è libertà di parola c’è anche quella di non leggere se non ti piace . L’Italia è bella anche per questo.

  8. Riccardo ha detto:

    Avere nella nostra città momenti di incontro , di discussione, di scambio di idee è una cosa molto bella, ho incontrato in alcune occasioni gli amici dell’associazione di Laura Castelletti e debbo dire che sono stati incontri molto interessanti ed il loro percorso mi interessa molto più di quello fatto da Partiti e Partitini che danno del nostro paese un’immagine demoralizzante .

  9. marina ha detto:

    Honi soit qui mal y pense, ma certo che ,per giorni ,mi sembra eccessivo ed il tema è stato sbandierato , e quando stava per essere ,come tutto ,dimenticato ecco la letterina al direttore …..Honi soit qui mal y pense !

  10. Qol Sakhal ha detto:

    @Marina. Penso che Laura non sia una Lady Companion e quindi non può indossare la giarrettiera, che tuttavia io mi offrirei volentieri di allacciarle. Andando oltre la battuta: mi piace Laura per il coraggio che ha dimostrando abbandonando socialisti che hanno perso il senso del sociale e per la coerenza e l’indipendenza praticate in Consiglio Comunale.

  11. Indira ha detto:

    Marina , quando ci sono articoli che non ti piacciono perchè non leggi la pagina dei necrologi così ti ralassi .

  12. agostino ha detto:

    excusatio non petita……accusatio manifesta

  13. leo ha detto:

    Mah…..io invece quoto Marina.
    Premesso che le idee di Laura possono essere recepite “valide”, come “non valide”, credo che ci sia sempre il vizio o il diletto, in Italia, sia a livello nazionale che locale a questi rimpasti/ni. Aggiungendo IMHO solo confusione. Ora, a livello cittadino c’è una amministrazione regolarmente votata, che regolamente sta amministrando (con alti e bassi di cui solamente la gente può dare giudizio periodicamente). Entrare dalla finestra di soppiatto mi sembra che poco si addica a chi fa anche dell’eleganza e dei modi gentili una delle sue bandiere.
    Se Laura la prossima volta ha molte idee sul carnet, perchè non le presenta e si rimette in gioco con una coalizione che gli consente di essere votata con share più alta e che condivide queste idee?
    Gli innesti, in politica, spesso “rigettano” (per composizione eterogenea……”che ‘c’azzecca’ con Lega?”)……..generando sfiducia e distaccamento da parte dei votanti. IMHO naturalmente.

  14. Qol Sakhal ha detto:

    Non è stata Laura a farsi avanti ma è Paroli che,avendo necessità di cambiare qualche assessore che si è dimostrato incapace o, peggio, pasticcione, va cercando appoggi da forze che crede omogenee, come ha fatto con il gruppo di parlaBrescia e che fa riferimento a Francesco Onofri, o che potrebbero portare prestigio alla sua compagine alquanto squinternata, come cerca, inutilmente secondo mio giudizio, di fare con Laura.
    Non ho votato Laura, ho votato PD e forse lo farò anche la prossima volta ma considero Laura e il suo gruppo un bene per la nostra Città. Essendo poi io uomo di parte e poichè ho la fortuna di non dover chiedere nulla a nessuno, preciso che “non tutti coloro che si impegnano hanno il mio appoggio e la mia stima” , per quel poco o tanto che valgono.

  15. marina ha detto:

    @indira , sappia signora che sono una persona rilassatissima , che legge tutto , anche i necrologi , come memento mori , nel caso mi dimenticassi di che piccola cosa siamo , ( da qui il mio relax esistenziale e profondo),
    ciò detto ,dico come lei quello che penso , sempre , perchè come QS non devo chiedere nulla a nessuno ,lei mi perdoni ,invece ha un PH sotto lo zero,
    come dice Leo , IMHO

Lascia un Commento