Un seminario di formazione-informazione sul lavoro

Laura Castelletti, 17 febbraio 2013 » economia, mi piace

Mercato del lavoro, relazioni sindacali, situazioni e prospettive.

A partire da alcuni casi specifici in provincia di Brescia il segretario della Uil Daniele Bailo, stimolato dalle domande di Giovanni Armanini, giornalista di Bresciaoggi, farà un seminario di formazione-informazione per approfondire la conoscenza di un mondo estremamente vicino alla vita di ognuno ma non sempre immediatamente comprensibile nelle dinamiche che genera.
Perchè si generano conflitti tra aziende e lavoratori? E perchè questi spesso sfociano in conflitti tra i lavoratori stessi? Verso quale sistema si sta muovendo l’Italia? E come rispondere alla domanda di nuova occupazione coniugata con quella di diritti, stabilità delle condizioni, redditi dignitosi per qualsiasi categoria produttiva?

Tante domande in una serata che si svolgerà mercoledì 20 febbraio alle 20.30 nella nostra sede di Brescia per Passione (piazza Bruno Boni 3).

Siete i benvenuti.

condividi:

2 Responses to “Un seminario di formazione-informazione sul lavoro”

  1. Simone Forleo ha detto:

    Tema molto complesso che a mio avviso bisognerebbe risolvere a breve termine , eliminando le agenzie interinali che usano e sfruttano il lavoratore deve essere utilizzato ufficio di collocamento oggi giorno risulta passivo un costo elevato per lo stato che non crea più sinergia con le imprese una risorsa che deve e ha il dovere di svilupparsi l’Italia è una costituzione basata sul lavoro . I conflitti tra azienda e lavoratore si esercita perchè oggi giorno il titolare o per il suo ego o per le troppe tasse è costretto a stare a certi parametri che non rendono migliore la qualità del lavoratore lo stato ha il dovere di semplificare e migliorare la qualità del lavoro sia economicamente e sicurezza. I conflitti tra lavoratori oggi giorno nascono sempre di più non risulta un equilibrio tra essi di stipendio medio , le agenzie interinali non creano un futuro un contratto a tempo indeterminato (oggi giorno crea un modo per avere un mutuo ) per tanto con i colleghi a tempo indeterminato nascono dei conflitti anche di gelosia e invidia , nascono anche nelle aziende io li definisco “ghetti industriali ” che risultano gruppi di extracomunitari anche di 20 elementi di stretta parentela che esercitano pressione per creare solo posti di lavoro della sua parentela un punto molto dolente che nel tempo l’ITALIANO dovrà confrontarsi con la costituzione , oggi mi fermo qua perchè ci sono abbastanza elementi che diano modo che lo stato lavori e sviluppi queste risolse pre creare sinergia a tutti i residenti in ITALIA e creare soluzioni migliori per l’economia industriale e commerciale .

  2. Simone Forleo ha detto:

    Tema molto complesso che a mio avviso bisognerebbe risolvere a breve termine , eliminando le agenzie interinali , usano e sfruttano il lavoratore.Deve essere utilizzato ufficio di collocamento ,oggi giorno risulta passivo ,un costo elevato per lo stato , non crea più sinergia con le imprese una risorsa che ha obbligo e il dovere di svilupparsi, l’Italia è una costituzione basata sul lavoro . I conflitti tra azienda e lavoratore si esercitano oggi giorno , il titolare o per il suo ego o per le troppe tasse è costretto a stare a certi parametri basso di stipendio , non migliorano la qualità del lavoratore .Lo stato ha il dovere di semplificare e migliorare la qualità del lavoro sia economicamente e nel settore della sicurezza. I conflitti tra lavoratori oggi giorno nascono sempre di più, non risulta un equilibrio e stipendio medio , le agenzie interinali non creano un futuro , un contratto a tempo indeterminato (oggi giorno crea un modo per avere un mutuo ) nascono dei conflitti anche di gelosia e invidia tra colleghi a tempo indeterminato e determinato , nascono anche nelle aziende definisco “ghetti industriali ” risultano gruppi di extracomunitari anche di 20 elementi di stretta parentela , esercitano pressione per creare solo posti di lavoro della sua parentela , un punto molto dolente l’ITALIANO dovrà confrontarsi con la costituzione e la morale , oggi mi fermo qua perchè ci sono abbastanza elementi che diano modo che lo stato lavori e sviluppi queste risolse per creare sinergia a tutti i residenti in ITALIA e creare soluzioni migliori per l’economia industriale e commerciale .

Lascia un Commento