The Big Brother is watching you (di Marta Bonisoli professione provocatrice)

Laura Castelletti, 24 luglio 2010 » non mi piace, pensieri in libertà

“the big brother is watching you”

un nuovo contributo di marta bonisoli di professione provocatrice.

“sì, mi sembra di essere finita dentro il libro di orwell. in un certo senso è talmente facile pilotare l’opinione della massa che chi sta al potere non ha nemmeno troppe difficoltà a suggerirci cosa pensare e come agire. l’unica libertà da questa ragnatela che imbriglia il nostro pensiero è usare l’intelligenza, il proprio acume, il proprio senso critico e non solo per andare sempre ed ostinatamente al contrario, ma perché non dobbiamo mai smettere di essere noi stessi e di pensare con la nostra testa. soprattutto non se viviamo in un regime che dovrebbe essere democratico.
quali sono i mezzi migliori per massificarci? quelli talmente squallidi di cui nemmeno ce ne accorgiamo. quelli che passano inosservati, quelli che sono solo messaggi subliminali. ma sono i più forti.
ieri sera, guardando il tg1 mi sono accorta di una cosa molto strana: la presentatrice, laura chimenti, mi ricordava incredibilmente qualcuno. e poi ho realizzato chi… maria luisa busi, quella che presentava sempre il tg delle 20.00 e che ora se n’è andata. stesso colore di capelli, stesso taglio, stesso stile nel vestire, stessa forma del viso. due gocce d’acqua.
e ho pensato: davvero squallido. il tg1 ci ha fatto davvero una magra figura con la storia della busi; cacciata, o dimessa di sua spontanea volontà, accusò il tg dicendo di non riconoscersi più nel notiziario. e questi simpaticoni della rai, che pensano? di sostituirla con una giornalista molto simile. dopo tutto, gli studi sull’impatto della televisione, sui meccanismi di assimilazione da parte dei telespettatori, sui modi migliori per persuadere la gente devono avere dato i loro frutti.
sinceramente penso che sia davvero un modo squallido per accattivarsi il pubblico, soprattutto perché è qualcosa che passa inosservato. nella mente del comune telespettatore, l’immagine della giovane laura si sovrappone a quella della coraggiosa maria luisa, cancellando completamente quest’ultima. noi non ce ne accorgiamo, ma è tutto molto ben studiato. dopo tutto, chiunque conosca anche minimamente i meccanismi psicologici della mente umana, è facilitato nel compito di indirizzare i pensieri e persuadere il pubblico.
sapete che vi dico? c’è poco da fare… l’unico consiglio è f.b.o., ovvero fa ballà l’oc. state attenti, miei cari. un domani potremmo ritrovarci ad osannare poster rappresentanti una grossa faccia con i baffi e lo sguardo rassicurante. spero solo che per allora ci sarà ancora qualcuno con una mente sveglia, pronto a liberarsi dalla ragnatela del pensiero comune.”

marta bonisoli

condividi:

One Response to “The Big Brother is watching you (di Marta Bonisoli professione provocatrice)”

  1. Benzo ha detto:

    Siamo manipolati da mattina a sera?

Lascia un Commento