SuperRolfi si occupa di sicurezza da 2 anni, ma le prostitute stanno sulle stesse strade

Laura Castelletti, 26 giugno 2010 » Loggia, non mi piace

Ho trovato interessante il post che Ideecheviaggiano dedica a Brescia e le strade del sesso. Dice chiaramente che in 2 anni di SuperRolfi all’assessorato alla sicurezza e di “tolleranza zero”, la presenza delle prostitute sulle principali arterie cittadine è invariata. Lo possiamo verificare tutti da questa sera. Lo stesso potremmo dire degli extracomunitari che si avvicinano ai tavolini dei bar per vendere la merce più varia. Ne ho contati oggi 6 in 30′ in Piazza Duomo (al tavolino con me due autorevoli testimoni, una di centrodestra e uno di centrosinistra). Rolfi merita di essere  “messo in croce” come lui e i leghisti sulla sicurezza hanno “messo in croce ” Corsini e Guindani. Si, dopo 2 anni ai quali abbiamo concesso il rodaggio dei principianti, è ora di non lasciar correre più nulla. A questo punto non  meritano attenuanti.

condividi:

One Response to “SuperRolfi si occupa di sicurezza da 2 anni, ma le prostitute stanno sulle stesse strade”

  1. gibo ha detto:

    ma poi non è vero che sono sparite sono diventate come la migliore strategia militare insegna ..truppe a spostamento rapido .. ovvero colpisco e sparisco velocemente .. non si fermano più in solo posto ma si spostano continuamente tanto i clienti le trovano lo stesso ..o fanno appartamenti in città … vanno in un bar bevono qualcosa e il cliente offre poi via piano senza nessun nessun disturbo ..poi io mi chiedo ” si potrà mai eliminare il mestiere più vecchio del mondo? ” non credo proprio
    ciao

Lascia un Commento