Primo viaggio sulla metro…

Laura Castelletti, 7 maggio 2012 » mi piace, mobilità

qualcuno sorriderà, qualcuno mi guarderà strana quando leggerà che mi sono emozionata per la scatola di metallo che giovedì scorso correva sui binari. ebbene si, mi sono emozionata compiendo il primo viaggio sulla nostra metropolitana cittadina. correvano gli anni ’80 (detta così pare un secolo fa) e io, giovincella alle prese con le prime esperienze di vita di partito, seguivo fermi (vicesindaco della giunta padula) che girava quartiere per quartiere a raccontare come la metropolitana avrebbe cambiato la vita e  la qualità dell’ambiente  nella nostra città. ci muovevamo con proiettore e teloni ingombranti, slide e computer erano  ancora un miraggio. la sera, rientrando a casa, si fantasticava. avevamo una visione chiara del futuro, ma sapevamo che non sarebbe stato facile.

negli anni seguenti sono diventata consigliere comunale e le responsabilità sempre più dirette. ho votato e rivotato, in ogni occasione, delibere o documenti a sostegno dell’opera. ho partecipato a un numero infinito di consigli comunali, commissioni consiliari e commissioni speciali, convegni nei quali si è dibattuto del tema. ho letto centinaia e centinaia di pagine, visto video, visitato altre città per conoscere e capire limiti e potenzialità di questa infrastruttura.

ci ho sempre creduto.

Giovedì, quando ho sentito la voce (dall’accento bresciano riconoscibile 😉 ) che annunciava “San Polino”, “San Polo”. “Poliambulanza” ad ogni fermata non mi è sembrava vero, non era più soltanto sulla carta. Mi sono emozionata.

Ho visto la soddisfazione di quelli che con fatica, in molti casi repulsione,  si sono avvicinati alla metro solo recentemente. Parlo degli attuali amministratori, di quelli che l’hanno sempre avversata e che oggi  hanno il compito di realizzarla.

Ho visto visi sorridenti e rilassati nella maggioranza di Paroli, ben oltre il dovere istituzionale.

 

E’ anche vero che dopo 5 anni  l’unica opera che possono vantare d’aver portato a compimento è questa.

 

 

condividi:

13 Responses to “Primo viaggio sulla metro…”

  1. Benzo ha detto:

    Voglio farlo anche io!

  2. Diego ha detto:

    Non posso che compiacermi per il tuo stato d’animo, per un tuo sogno avverato, per il vedere un progetto divenuto realtà. Nello stesso momento rimango però ancora molto perplesso sul rapporto utilità/costo di questa opera che continua a sembrarmi un enorme spreco di denaro. Spero che il 2013 mi dia torto anche se continuo a pensare che senza metro e con tutti quei milioni di euro a disposizione, qualcosa di meglio per Brescia si poteva fare.

  3. alessandro ha detto:

    Sono d’accordo sulle forti perplessita circa l’effettiva utilità della metropolitana COSI’ COME CONCEPITA. anch’io spero di essere cattivo profeta ma se penso all’indebitamento della città a fronte di una linea che a mio avviso è lontana anni luce rispetto alla reale necessità di intercettamento del traffico in entrata e uscita dal centro cittadino…mi vengono i brividi, anche perchè appena iniziato il servizio comparirà come per magia il pedaggio per l’ingresso in città: non ci sara possibilità reale, o quantomeno conveniente, di lasciare l’auto in prossimità della metro (a meno di fare altri chilometri rispetto alle principali direttrici di ingresso) ma pagheremo..pagheremo metro e pedaggi…evviva! Intanto tagliamo i servizi che premono ai cittadini (assistenza etc.) e poi i non deambulanti li facciamo viaggiare felici in metro…era quello che desideravano tanto…e poi, avremo anche il parcheggio sotto il castello, ma….e quello di Fossa Bagni? l’abbiamo fatto per bellezza? non ditemi che non basta perchè è SEMPRE MEZZO VUOTO e sfido chiunque a dimostrare il contrario…

  4. Alessandro Benevolo ha detto:

    Da metroscettico, mi compiaccio anch’io dell’approssimarsi dell’entrata in funzione della metro, ma resta una Waterloo dell’Amministrazione Comunale e lascerei nel fodero le fanfare. Con un miliardo di euro si poteva fare di molto meglio e più. E’ un po’ mistificatorio parlare de risultato a prescindere dai costi sostenuti per conseguirlo.
    Adesso si discute del fatto che i costi di esercizio non riusciranno ad essere coperti dal sistema di tariffazione. Non conosco (in tutto il mondo) una metropolitana che ha questo problema. Ovunque i proventi di biglietti e abbonamenti superano largamente i costi di esercizio (anche di linee più costose ed obsolete di quella di Brescia). Non sarà che i passeggeri/anno di una linea metropolitana si contano in unità di milione mentre a Brescia in centinaia di migliaia….?

  5. Roberto ha detto:

    Laura ti capisco mi sarei emozionato pure io. L’ho fatto semplicemente vedendola passare in un viaggio di prova sul viadotto a San Polo, figurati se fossi stato a bordo.

  6. Gregorio ha detto:

    Bello.
    Non vedo l’ora di provarla,
    di riprovare la stessa emozione di quando, ragazzino, la provai a Milano.
    Brescia ha fatto un passo avanti verso l’essere Città.
    Adesso sotto con le bici!

  7. Diego ha detto:

    Un altro particolare che mi lascia perplesso (ho usato un eufemismo) è il passaggio davanti alle finestre delle case si Sanpolino…chiamiamola “distrazione” del progettista.

  8. Giuseppe ha detto:

    Spero con tutto il cuore che Brescia si innamori della sua metro. E’ la stessa che abbiamo a Copenhagen e qui tutti, tutti quanti la usano. Con un treno ogni tre minuti finalmente avremo un collegamento decente tra stazione, centro e ospedali. Si sa quanto tempo impiega un treno a percorrere l’intera tratta?

  9. Diego ha detto:

    Da wikipedia:
    “Kopenhagen, 518.574 abitanti nel Comune, 1.167.569 nell’area urbana. Il sistema di trasporto pubblico di Copenaghen si basa sulla rete ferroviaria suburbana degli S-tog, sugli autobus (gestiti dalla società Movia), e sulla metropolitana. La rete degli S-tog forma la base della rete di trasporto, che si estende per la maggior parte nell’area metropolitana di Copenaghen, con il centro presso la stazione centrale di Copenaghen. Negli ultimi anni i treni sono stati integrati con le linee verso l’Aeroporto di Copenaghen, Helsingør, e Malmö. La rete delle suburbani S-tog Ferrovie dello Stato danese ha il capolinea orientale a Copenaghen, con la maggior parte dei treni che prosegue per l’aeroporto di Copenaghen.”
    Forse ci troviamo in una situazione un tantino diversa a Brescia, a cominciare dal dato più importante: il numero di abitanti!!! Che rende di fatto la metro a Brescia un debito da qui all’eternità…

  10. Giuseppe ha detto:

    Giustissimo. Copenhagen è una capitale e sta sul confine con la Svezia, è chiaro che da qua ci passa di tutto (tra l’altro dovreste vedere gli S-tog, una cosa che quando ho saputo che erano i treni per i pendolari ci sono rimasto). Sul numero di abitanti non posso che darti ragione, anche se con i nostri 500.000 abitanti nell’area urbana Brescia non si difende male, e lo stato del traffico che abbiamo ne è la riprova. E’ vero, la situazione non è la stessa, ma da qualche parte si deve pur cominciare e installare una metro premiata come la migliore del mondo mi pare un ottimo inizio. Poi si possono fare tutte le previsioni economiche spannometriche di questo mondo e tutti i discorsi possibili sul come la metro non allevierà il problema delle auto che vengono dai paesi limitrofi, ma per i residenti e per tutti quelli che arrivano in stazione in treno o in autobus ci sarà finalmente un’alternativa più rapida al dover annegare nel traffico, e sinceramente per ogni auto che in un modo o nell’altro togliamo dalla strada non posso che rallegrarmi.

  11. albertoorlandini ha detto:

    Opera eccezzionale se si impedisce il traffico da shopping in centro.
    In centro si va a piedi o in metro

  12. Paolo ha detto:

    Ok la metro ma per fare il vero salto di qualità Brescia deve cambiare nel marketing commerciale, nelle attrarre turisti e soprattutto nel cambiare la mentalità commerciale in quanto troppo “industriale”.

  13. gio maina ha detto:

    Laura mi fai venire la voglia di farci un viaggio subito!! Speriamo sia cosi utile come dici perché ho grandi aspettative dalla metro!

Lascia un Commento