Per favore non buttare il vecchio nel cassonetto! (di Stefania Itolli-Brescia per Passione)

Laura Castelletti, 22 dicembre 2010 » mi piace, pensieri in libertà, Territorio e Natura

tra pochi giorni è natale e come tradizione vuole dobbiamo essere tutti più buoni. io sono stata molto generosa a non propinarvi suggerimenti e consigli sui regali equosolidali, rispettosi dell’ambiente o realizzati con materiali riciclati. sul web alle parole “natale ecologico” appaiono più di 300.000 risultati, ognuno di noi può facilmente trovare quello che cerca. però, se dovete regalare a vostro figlio l’ultima versione della playstation, se dovete sostituire la vecchia aspirapolvere di vostro marito o decidere di cambiare il televisore per guardarvi in alta definizione gli occhi del vostro attore preferito, ricordatevi di non buttare i vecchi apparecchi nei cassonetti e di non abbandonarli per strada.

Da giugno è in vigore l’ “uno contro uno” dei RAEE (Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). Non un incontro di boxe, ma l’obbligo di legge per i negozianti di ritirare, all’atto dell’acquisto di uno nuovo, il vecchio computer, la lampada inutilizzabile, la lavatrice da rottamare oppure il piccolo elettrodomestico irreparabile. Un modo per semplificare la vita ai cittadini, senza dover pagare alcun sovrapprezzo, e progredire su una corretta gestione dei rifiuti elettronici che contengono sostanze tossiche per l’ambiente.
Per saperne di più http://www.consorzioremedia.it/index.php?id=2

Stefania Itolli

condividi:

One Response to “Per favore non buttare il vecchio nel cassonetto! (di Stefania Itolli-Brescia per Passione)”

  1. roberto ha detto:

    Cara Stefy peccato che per il ritiro i commercianti chiedono puntualmente dei soldi, nonostante il fatto che sono aumentati i prezzi dopo l’introduzione del tristemte famoso contributo RAEE.
    Insomma si pigliano i soldi che serviranno per ritirare e rottamare i vecchi elettrodomestici e pigliano pure quelli all’atto del ritiro.
    C’è qualcosa che non funziona e come sempre c’è chi approfitta della situazione per lucrare una volta di più.
    Intanto a Brescia le isole ecologiche sono sempre di meno e noi cittadini non sappiamo dove far afferire le varie tipologie di rifiuti.
    Ricordo solo che se non volete pagare il commerciante per il ritiro del vecchio elettrodomestico (specie se quello ingombrante) c’è la possibilità di contattare la municipalizzata bresciana e di concordare il ritiro gratuito sotto casa, basta quindi portare i vari frigoriferi, lavatrici etc. sul marciapiede antistante casa e sarà A2A ad occuparsi del ritiro ed eventualmente a rilasciare, se a qualcuno dovesse servire per la detrazione dalle tasse, ricevuta attestante la rottamazione dell’elettrodomestico .

Lascia un Commento