Ordinanza antighetto:ma non volevano estenderla a tutta la città?

Laura Castelletti, 31 marzo 2011 » Loggia, non mi piace

Sospesa dal TAR l’ordinanza antighetto sulla quale ho già più volte espresso il mio parere.

Ciò che mi colpisce è, come troppo spesso accade per questa amministrazione, che si prendono provvedimenti seguendo l’istinto e non ancorando le scelte a decisioni studiate e quindi inattaccabili. Si procede per spot elettorali e non secondo percorsi amministrativi seri.

Infatti il 17/12/2010 il vicesindaco  Rolfi dichiarava:

«Pronti a difendere le norme antighetto dagli attacchi dei ricorsi, dai noglobal miliardari, da chi protesta per professione e dai sindacati onnipresenti. Perchè se il modello sperimentato per il Carmine e per via Vallecamonica, che al momento prevede ordinanze limitate nel tempo di 4 e 6 mesi, dovesse funzionare, saremo determinati a esportarlo anche nel resto della città».

Rolfi oggi (sospesa ordinanza GdBS), mentre attende le motivazioni della sospensiva, a caldo tra le tante affermazioni  dice anche:

«il Comune sa già che il provvedimento è in scadenza e non potrà essere rinnovato».

Ma non voleva estenderlo anche nel resto della città? Vuol forse dire che non ha funzionato?

condividi:

4 Responses to “Ordinanza antighetto:ma non volevano estenderla a tutta la città?”

  1. Alessandro Benevolo ha detto:

    Cara Laura,
    per la Lega non ha nessuna importanza l’efficacia del provvedimento in sé. Conta la strizzata d’occhio ai suoi fedeli elettori e agli indecisi delle prossime elezioni. La Lega “c’è e combatta per te contro il sistema”. Se poi il il Grande Fratello (quello di Orwell) è impermeabile e nega le ovvie soluzioni amministrative, la colpa è inevitabilmente del sistema (e non della pochezza delle soluzioni).
    A scala nazionale questo modo di procedere della politica è talmente abusato che nessuno si scandalizza più ad esempio di un ministro degli interni che da un mese grida al lupo contro i clandestini di Lampedusa per portare acqua al mulino padano (10.000 sbandati finora, 500.000 secondo le previsioni).
    Non conta trovare soluzioni, conta avvantaggiare la propria coalzione elettorale. La disaffezione alla politica degli italiani produce ovviamente risultati anche in senso opposto: c’è un tale disprezzo per il povero elettore coglione che non vale nemmeno la pena di darsi da fare, basta gridare slogan al vento.

  2. Simone ha detto:

    Eh, si purtroppo loro hanno ottenuto il risultato che volevano, regalandosi una bella campagna elettorale pagata, come sempre, dai cittadini … PaRolfi rifonderanno anche le spese del ricorso?

  3. Nikbarte ha detto:

    Simone Catano scrive nel post su FB: certo che quelli della lega-pdl non ne azzeccano una, cavoli! e dire che una metà sono avvocati … ammazza che avvocati!

    Poi leggiamo sul vocabolario: “Avvocato – “dal latino AD-VOCARE,…. chiamare a sè, chiamare in soccorso, (v. Provocare).

    Ecco spiegato da dove arrivano metà delle provocazioni.

  4. RufenSgrufen ha detto:

    Foi non sapere koza stare ticenten… koprifuoken ezzere necezzarien fur zicurezzen!

Lascia un Commento