Noi saremo tra quel miliardo di donne e uomini che oggi ballano contro la violenza

Laura Castelletti, 14 febbraio 2013 » donne, mi piace

 

per molte donne oggi sarà un san valentino romantico, per altre l’altare sul quale immolare il cuore spezzato, ad altre ancora non fregherà nulla, molte penseranno al rispetto desiderato e mai ricevuto, per tante nel mondo invece sarà la testimonianza di un impegno contro la violenza.

oggi ci dedicheremo in tanti all’abbraccio planetario contro la violenza alle donne.

noi di brescia per passione saremo tra quel miliardo di persone che oggi danzeranno sparsi, ma uniti in una battaglia, in tutti gli angoli della terra. saremo  in piazza garibaldi alle 18.00 per quelle donne  delle quali parla la 27esimaora nel post che pubblico di seguito:

 

quando si parla di violenza sulle donne, spesso il pensiero corre alle migliaia di campagne che sono state realizzate, senza che nulle cambiasse e senza che questa piaga accennasse a risolversi. risultato, nonostante gli sforzi di associazioni e ong, si stima che ancora oggi in tutto il pianeta una donna ogni tre subirà violenza. questo significa un miliardo di donne.

cifre terribili, che da sole non raccontano il dolore, l’umiliazione e la paura. statistiche che non rendono l’idea di una questione che riguarda tutti, uomini e donne, nessuno escluso. dall’india, passando per il medio oriente, fino all’italia, gli stati uniti fino alla groenlandia e ritorno. le donne sono oggetto di violenza ovunque.

ecco perché eve ensler, autrice de i monologhi della vagina, attivista e fondatrice del v-day, ha voluto lanciare la campagna one billion rising. e’ un’iniziativa diverse rispetto a quelle che abbiamo visto fin qui.  perché ha un obiettivo davvero ambizioso: raggiungere un miliardo di persone.

Così il 14 febbraio 2013, giorno del 15° anniversario del V-Day, un miliardo di donne e uomini di 189 paesi del mondo balleranno insieme in nome della consapevolezza e della solidarietà, protestando contro lo scandalo di questa violenza e celebrando la volontà di mettervi fine. “Un miliardo di donne violate è un’atrocità” sostiene Ensler, “un miliardo di donne che ballano è una rivoluzione. Ballare significa libertà del corpo, della mente e dell’anima. È un atto celebrativo di ribellione, in antitesi con le forme oppressive delle costrizioni patriarcali”. (continua qui)

 

condividi:

2 Responses to “Noi saremo tra quel miliardo di donne e uomini che oggi ballano contro la violenza”

  1. Stefania ha detto:

    Ottima iniziativa

Lascia un Commento