Ma Bonetti ha mai passato una giornata su “tacco 12”?

Laura Castelletti, 9 settembre 2010 » donne, mi piace, pensieri in libertà

Leggo il post di Daniele Bonetti che inneggia alle scarpe alte e e mi chiedo se ha mai passato una giornata calzando tacco 12.  Azzardo un NO. Dovrebbe provarci. Da bravo giornalista potrebbe anche scriverci un reportage. Magari mi convince. Nel caso  potrei decidermi  a eliminare  le ballerine e calzare i tacchi più di 10 volte al mese.

condividi:

8 Responses to “Ma Bonetti ha mai passato una giornata su “tacco 12”?”

  1. Daniele Bonetti ha detto:

    Cito direttamente dal dizionario. Inneggiare: cantare un inno, esaltare, celebrare. Leggendo il mio post, non sento musichette strane e nemmeno mi pare di cogliere celebrazioni o esaltazioni. Sinceramente non colgo nemmeno un passaggio dove si parla di una scarpa con il tacco portata per 24 ore consecutive e non capisco perchè dovrei provarci io. In ogni caso, sarebbe come dire a chi preferisce le lasagne rispetto al tramezzino di mettersi a fare la pasta fresca e la besciamella (se si scrive così). Detto questo, per inciso, l’accesso al locale genovese di cui in ogni caso non sono direttore marketing, non era riservato a chi portava i tacchi, ma era gratuito per chi portava i tacchi. Punto.

  2. tacco12 ha detto:

    Scusi se mi permetto ma lei ”per inciso” sa cogliere una provocazione scherzosa e per di più utile (nel post della signora castelletti è linkato il suo blog!) da un attacco o ad un offesa?? Punto e virgola.

  3. Daniele Bonetti ha detto:

    Dov’è che faccio riferimenti ad attacchi o offese? Ha dimenticato la firma…

  4. Matteo ha detto:

    Questa volta è troppo divertente per non intervenire…
    Concordo con Laura. E concordo con tacco12 (chiunque sia…ma perchè l’anonimato?!)
    Caro Bonetti, la tua replica appare un po’ stizzita (tutti quesi puntini sulle i, le precisazioni da dizionario di chi fa finta di non capire…)
    Venendo ai tacchi. Il tuo post è ironico, però non ti sfiora nemmeno un classico interrogativo: vogliamo piacere a noi stessi o agli altri?
    Quando poi, in questo dilemma, fa capolino la sofferenza fisica, beh… a quel punto ci vorrebbe un minimo di rispetto, non credi?

    A questo punto, so che ti starai chiedendo se ho mai portato i tacchi…

  5. Benzo ha detto:

    Durante la vendita di beneficenza di Essere Bambino 2009 all’area dock’s, insieme ad alcuni amici, abbiamo messo persino i tacchi pur di attrarre sempre più visitatori!!! che pagliacci!!! Cari Matteo e Daniele, da quel giorno ho capito, però, quanto le donne amino stare al centro dell’attenzione!!! Non sono per niente scomodi!!!! La mia conclusione è che prima li mettono perchè si sentono alte e slanciate, poi si lamentano del dolore così stanno al centro dell’attenzione!!!

  6. Benzo ha detto:

    Leggo un divertente aggiornamento sempre sul blog di Daniele Bonetti http://ideecheviaggiano.blogspot.com/2010/09/sui-tacchi-e-di-corsa-si-puo.html!!! Se tacco12 mi vuole sfidare mi alleno per l’edizione 2011!!!

  7. Jebediah Wilson ha detto:

    Quella di “citare direttamente da dizionario” l’avevo già letta da qualche parte… sempre su questo blog… ma non ricordo esattamente di chi era…

  8. Jebediah Wilson ha detto:

    di chi fosse… ops… sorry

Lascia un Commento