La Lega fa rimangiare a Tremonti la famosa promessa elettorale “Province da tagliare!”

Laura Castelletti, 27 maggio 2010 » non mi piace, politica, Senza categoria

Nel lungo elenco delle promesse non mantenute da questo Governo da ieri sera si aggiunge anche “taglieremo le Province!”. La Lega non permette al Ministro Tremonti di essere uomo di parola. La collezione di bugie è  ormai da guinnes dei primati. A quelle siamo ormai abituati. Nei giorni scorsi il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha minacciato le dimissioni se i famosi ventiquattro miliardi di euro per uscire dalla crisi non fossero saltati fuori subito. Secondo il Ministro della finanza creativa, infatti, questo delicato momento economico è più grave del previsto. Strano, perché sono 2 anni che ci spiegano che qui la crisi non è mai arrivata, che stavamo meglio di tutti gli altri. La crisi?  Tutta una montatura della stampa comunista e dei detrattori dello statista Berlusconi…

“La crisi è alla fine. Giulio Tremonti, 28/09/2009.

“La crisi? L’Italia è vaccinata“. Giulio Tremonti, 06/05/2010.

“La crisi? Non è così grave. Silvio Berlusconi, 20/01/2009.

“La crisi è stata drammatizzata dai media. Silvio Berlusconi, 06/03/2009.

“La crisi non c’è. I prezzi non sono aumentati”. Silvio Berlusconi, 08/03/2009.

“L’Italia sarà fuori dalla crisi prima e meglio di altri“. Silvio Berlusconi, 22/09/2009.

“La crisi? L’Italia non è in declino“. Silvio Berlusconi, 10/04/2010.

condividi:

2 Responses to “La Lega fa rimangiare a Tremonti la famosa promessa elettorale “Province da tagliare!””

  1. Simone ha detto:

    ma che hai capito! la crisi non c’è neppure adesso! … “la manovra l’ha voluta l’europa” … certo perchè non ci fosse stata l’europa si poteva lasciare salire il debito pubblico in modo incontrollato, tanto la crisi è (e rimane) un’invenzione dei mass media e di gògol!

  2. filippo marchetti ha detto:

    reputo che la lega a livello nazionale è da un po di tempo che si comporta cosi'( stessa cosa a milano)
    non conosce una cosa importante! il rispetto delle regole

Lascia un Commento