Intemporanea. Dialoghi d’arte tra passato e presente

Laura Castelletti, 28 settembre 2010 » Arte e Spettacolo, mi piace

a intemporanea, la mostra che aprirà i battenti al museo di santa giulia la sera della notte bianca dell’arte, sono particolarmente affezionata. la sua realizzazione mi procura non poca soddisfazione. e’ la dimostrazione che la politica, almeno chi la esercita, può talvolta essere utile per valorizzare talenti e per mettere in contatto destini e opportunità che altrimenti non s’incontrerebbero. la politica come un crocevia per professionalità e creatività, capace di potenziare e valorizzare quanto di positivo c’è e opera sul nostro territorio.

da un lato c’erano, fino a qualche mese fa, alcuni bravi e giovani artisti bresciani che si misuravano con la difficoltà di trovare un “palcoscenico” locale capace di rendere visibile il loro lavoro. dall’altro un amministrazione con la voglia di valorizzare i talenti della propria città, desiderosa di dar loro una opportunità, con tante idee, ma non un progetto mirato. ho colto queste due diverse esigenze, ne ho parlato con le persone giuste al momento giusto (fabio bix l’artista che ha sviluppato l’idea, ilaria bignotti la curatrice,  alessandro bianchi il responsabile della notte bianca e naturalmente l’assessore alla cultura andrea arcai) e le ho fatte incontrare. così è scaturita l’opportunità che ha dato vita a intemporanea. l’ho poi seguita, un po’ in disparte (il mio compito si era esaurito), ma ugualmente con occhio attento, passo passo. tra pochi giorni… l’allestimento sarà una sorpresa anche per me. non mancate!

spero poi che l’amministrazione comunale non si fermi qui. mi auguro che offra, nel corso dell’anno, a molti altri giovani talentuosi l’opportunità di esporre in luoghi altrettanto prestigiosi come santa giulia.

cambiano i ragazzi/e che espongono, cambiano i luoghi per le loro opere e contemporaneamente possiamo scommettere su una rinascita culturale e sociale della città.

condividi:

4 Responses to “Intemporanea. Dialoghi d’arte tra passato e presente”

  1. francesca ha detto:

    Cara Laura, non possiamo che sposare questo bell’evento!
    Pure il cinemino, il Nuovo Eden, ha interpretato le ultime due notti bianche dell’arte come un richiamo/compito/opportunità/piacere… al dare spazio ai giovani artisti che incontrano, come dici tu, “la difficoltà di trovare un “palcoscenico” locale capace di rendere visibile il loro lavoro”.
    Così il Nuovo Eden si è lasciato completamente trasformare e si trasformerà ora, in ogni anfratto, anche solo per una notte (che ha corrisposto a mesi di progettazione….) per estro e mano di oltre una decina di giovani artisti. Bello lasciarsi trasformare…E inoltre…quanti talenti ci sono in questa città!

  2. Laura Castelletti ha detto:

    Sabato sera l’Eden, come sempre, sarà per me “tappa obbligata”!
    Buon lavoro, saluta i ragazzi e… siete bravissimi!!!

  3. nanni ha detto:

    è bello vedere che l’arte giovane finalmente cresce anche a brescia, è bello vedere che le istituzioni danno spazio anche all’arte dei giovani, è bello vedere che tante persone si impegnano in operazioni complicate anche con mezzi limitati. bravi a tutti, organizzatoti, curatori, artisti, sponsor, forse un pò ingenui, ma meglio che furbi.

  4. Carlos Mac Adden ha detto:

    Brava Laura, l’avere dato il “LA” a questa bellissima iniziativa merita questo complimento, senza dimenticare certo le persone da te citate che hanno poi “materialmente” dato vita al tutto. Mi associo poi, e con me naturalmente “MiB”, alla chiusa del post di Francesca: ” … quanti talenti ci sono in questa città!”

Lascia un Commento