Il paesaggio nel programma elettorale

Laura Castelletti, 29 gennaio 2013 » Loggia, mi piace, Territorio e Natura

e’ già da un paio di sedute di consiglio comunale che penso “dai che ci siamo!” a proposito della messa in discussione e votazione della nostra mozione “salviamo il paesaggio-difendiamo il territorio” nella quale chiediamo il censimento degli immobili sfitti o non utilizzati della città. tutte le volte poi, per una ragione o per l’altra, la valutazione del documento slitta alla seduta seguente. l’attività amministrativa termina a maggio e poi si andrà a votare per il nuovo governo della loggia, la vedo dura e difficilmente praticabile la possibilità che la mozione completi il suo iter. peccato, in questo modo perdiamo tanto tempo prezioso. lo abbiamo comunque già inserito nel  nostro programma elettorale.

mentre a brescia, su questo tema, pare che la politica amministrativa avanzi alla moviola il forum salviamo il paesaggio prosegue con le proposte a tutela del territorio. la nostra associazione brescia per passione, che al forum ha formalmente aderito, sta seguendo con molto interesse soprattutto lo svilupparsi delle ulteriori riflessioni sulle buone prassi che l’europa caldeggia in fatto di limitazione del consumo di suolo

 

 

 

difesa del suolo. la sfida europea. la nostra sfida.

con il documento “orientamenti in materia di buone pratiche per limitare, mitigare e compensare l’impermeabilizzazione del suolo” la commissione europea ha di recente posto l’attenzione all’eccessivo consumo di suolo nel vecchio continente.


la sfida – peraltro ambiziosa come ammette lo stesso janez potočnik commissario europeo per l’ambiente – è quella per cui ogni stato membro dovrà tener conto delle conseguenze derivanti dall’uso dei terreni entro il 2020, con il traguardo di un incremento dell’occupazione di terreno pari a zero da raggiungere entro il 2050.

 


“la posa di superfici impermeabili nel contesto dell’urbanizzazione e del cambiamento d’uso del terreno, con conseguente perdita di risorse del suolo, rappresenta una delle grandi sfide ambientali per l’europa d’oggi” scrive nella prefazione al documento potočnik.
prima di addentrarsi a spiegare quali possono essere gli approcci tesi a limitare, mitigare e compensare l’impermeabilizzazione del suolo, la commissione europea indica un elemento di base necessario per raggiungere l’obiettivo “consumo di suolo = zero”: la piena collaborazione tra tutte le autorità pubbliche competenti, non solo dei dipartimenti preposti alla pianificazione e alle questioni ambientali ma anche, e in particolare, quegli enti governativi (comuni, province e regioni) che gestiscono un territorio. è quindi ora che il consumo di suolo diventi un’aspirazione condivisa.

 


dalla metà degli anni ’50 la superficie totale delle aree urbane nell’ue è aumentato del 78% mentre la crescita demografica è stata di appena il 33%. questo significa che in tutta europa la tendenza a “prevedere” piani di espansione urbanistica senza un’equilibrata correlazione con le effettive esigenze demografiche è prassi comune. attualmente, le zone periurbane presentano la stessa estensione di superficie edificata delle aree urbane, tuttavia solo la metà di esse registrano la stessa densità di popolazione.

 

 

lo sprawl è un fenomeno pericoloso: la diffusione di nuclei caratterizzati da bassa densità demografica costituiscono una grande minaccia per uno sviluppo urbano sostenibile. inoltre l’espansione della città eleva i prezzi dei suoli liberi entro i confini urbani incoraggiando così il consumo verso l’esterno, consumo che a sua volta genera nuove domande di infrastrutture di trasporto e pendolari che si spostano per raggiungere il proprio posto di lavoro.

 

 

passiamo all’aspetto dell’impermeabilizzazione. oltre a ridurre gli effetti benefici che un terreno ha sull’ecosistema, l’impermeabilizzazione di un ettaro di suolo significa far evaporare una quantità d’acqua tale per cui viene impiegata l’energia prodotta da 9000 congelatori, circa 2,5 kwh, per rendere quel terreno arido. supponendo che l’energia elettrica costi 0,2 eur/kwh, un ettaro di suolo impermeabilizzato fa perdere circa 500mila euro a causa del maggior fabbisogno energetico. limitare l’impermeabilizzazione del suolo è sempre prioritario rispetto alle misure di mitigazione ma laddove questo non avviene verde pubblico e uso di materiali permeabili sono i due principali elementi per tendere verso il risparmio energetico. tale risparmio è un vantaggio per le economie europee vessate dalle spese: ad esempio un tetto verde riduce i costi energetici di un edificio dal 10% al 15%. per non parlare dell’inquinamento: un albero calato all’interno di un contesto urbano può catturare 100 grammi netti di polveri sottili l’anno. calcolando i costi di riduzione delle polveri, piantare un albero in città significa investire 40 euro all’anno.

queste sono solamente alcune delle buone prassi che l’europa caldeggia in fatto di limitazione del consumo di suolo e indica come ultima spiaggia la “compensazione”, sempre che questa non si trasformi in mero “greenwashing”.

 


condividi:

3 Responses to “Il paesaggio nel programma elettorale”

  1. Sabrina ha detto:

    Una battaglia importantissima quella della tutela del suolo libero e agricolo che non possiamo permtterci di perdere. Altrimenti oltre a tutte le materie prime ci toccherà importare anche alimenti base per la sopravvivenza. Il nostro territorio è bellissimo e ricchissimo di beni ambientali che potrebbero creare un turismo di qualità, oltre che proteggerci dall’inquinamento. E’ un dovere di tutti mobilitarsi per questo.

  2. claudio buizza ha detto:

    “Salvare il paesaggio” e in qualche caso “Restauriamo il paesaggio” è un messaggio ancora più forte di quello “Non consumiamo territorio” poichè va oltre la necessità di salvaguardare la possibilità di futuro, che pure ha una certa importanza per noi umani e per i nostri discendenti.
    Implica la necessità di un buon rapporto con la natura e la capacità di riconoscere dove risiede (e risale)la bellezza necessaria per vivere almeno decentemente. Concetti/esigenze ignote a gran parte degli amministratori ai quali sfugge quasi sempre la necessità di realizzare in ambiti urbani un equilibrato rapporto tra parti costruite e parti non costruite. Anche al livello del singolo lotto. Il verde è sempre considerato un inutile fastidio. Spesso intollerabile. Da non ricercare e da non controllare. E così non si va lontano. I tempi di discussione della mozione che hai presentato lo confermano.Il disinteresse è totale.

  3. albertoorlandini ha detto:

    verso la metà del1500 fu vietata qualsiasi costruzione per un tot di miglia fuori le mura;la visuale doveva essere libera su eventuali accampamenti di aggressori:oggi gli aggressori sono annidati dentro le mura

Lascia un Commento