Garantismo e rigore (ma chi tira il rigore?)

Laura Castelletti, 21 novembre 2010 » Loggia, non mi piace

Seguire  da Copenaghen la  “vicenda carte di creditoche ha investito Sindaco e Giunta è relativamente semplice. Leggo i giornali online, ma sento che mi manca la possibilità di raccogliere tutte le informazioni, confrontarmi e capire umori e stati d’animo che attraversano la città di Brescia. Mi farebbe piacere poter contare su questo, ma non l’ho comunque sentito un limite quando nel pomeriggio un giornalista mi ha chiamato chiedendomi di esprimere un giudizio. Ho ribadito quanto dichiarato nei giorni scorsi e cioè che “davanti a questa vicenda due sono i termini che racchiudono il mio pensiero: GARANTISMO e RIGORE. Garantismo perchè, a differenza di altri, i processi in piazza e di piazza non mi sono mai piaciuti, non appartengono alla mia cultura. Sarà la magistratura a darci gli elementi necessari per rispondere alla domanda ‘si è trattato o no di peculato?’. Solo allora si potrà esprimere un giudizio completo e non sommario. Rigore invece perchè chi sbaglia deve pagare poichè il senso del bene comune non può essere mai messo in discussione.”

condividi:

2 Responses to “Garantismo e rigore (ma chi tira il rigore?)”

  1. Laura Castelletti ha detto:

    A quelli dedicheremo uno “speciale”.

  2. COACH ha detto:

    CONCORDO.GARANTISMO PER ORA,ASPETTIAMO IL PRONUNCIAMENTO DEI GIUDICI, ONDE EVITARE ERRORI,COME QUELLO CONSUMATO DAL CENTRODESRA,QUANDO CHIESE LE DIMISSIONI DELL’ASSESSORE BISLERI PER I FATTI DELL’ASILO DI S.FAUSTINO,
    DIMOSTRATISI POI UNA BUFALA .RIGORE POI,SE I FATTI ADDEBITATI A PARTE DI QUESTA GIUNTA RISULTASSERO VERI.DIMISSIONI!

Lascia un Commento