Farina vs Labolani: usiamo l’Urban Center per passare dallo scontro al confronto

Laura Castelletti, 13 settembre 2010 » Loggia, mi piace, urban center

Farina-Labolani, scintille sul Cubo Bianco” così titola questa mattina il quotidiano Bresciaoggi. Preso atto che lo scontro politico all’interno della maggioranza, sul futuro di Largo Formentone, si fa sempre più aspro chiedo che si passi ad un confronto vero con la città. Il “dopo pensilina” non può essere una scelta di pochi. Lo strumento lo abbiamo a disposizione: è l’Urban Center. Incominciamo, lo dico al Sindaco e all’assessore Vilardi, a caricare un video in cui l’arch. Venturelli illustra il progetto (indipendentemente dal mio giudizio finale sull’opera devo dire che in commissione lo aveva fatto brillantemente), mettiamo le immagini, il render, le tavole  e incominciamo a chiedere ai bresciani cosa ne pensano. Chiediamo che impressioni hanno, che suggerimenti danno all’amministrazione. Ho visto che parte del materiale che suggerisco di pubblicare lo si puo’ vedere sul sito archinfo.it dove ho trovato anche l’invito a partecipare, proprio sul tema, a un appuntamento il 4 Ottobre 2010, in Largo Formentone-Piazza Rovetta dalle h. 21.00 alle h23.00 per una proiezione delle immagini del  nuovo progetto nello spazio lasciato vuoto dalla Pensilina.

Immagino che l’Evento di ottobre sia stato programmato dall’Amministrazione… immagino.

condividi:

2 Responses to “Farina vs Labolani: usiamo l’Urban Center per passare dallo scontro al confronto”

  1. Simone ha detto:

    Magari poter usare finalmente l’U.C. Ma siamo sicuri che qualche assessore sia disponibile a un confronto e a comprendere (non dico condividere) quali siano eventuali obiezioni o suggerimenti senza definirli un “noioso chiacchiericcio”?

  2. ezio ha detto:

    E ritornare ad una bella piazza adibita a mercato ortofrutticolo,o anche solo piazza dove la gente, comprese le varie etnie, si incontrano e coesistono. Nel sud della francia è una consuetudine e non ho visto ,pur girandola spesso e con attenzione, nè pensiline, nè cubi.

Lascia un Commento