L’assessore Maione che fa in via Milano? Nulla.

Laura Castelletti, 13 ottobre 2010 » non mi piace, Territorio e Natura, urban center

Durante la presentazione dell’ Info per il rilancio di via Milano l’assessore  ai Lavori Pubblici Mario Labolani ha dichiarato:E qui non accadrà come nel quartiere Carmine in cui c’è stata solo la riqualificazione edilizia e non quella sociale e commerciale”. L’affermazione è interessante, molto interessante. Peccato che dal 23 marzo 2010, data nella quale in Consiglio Comunale abbiamo votato (nel senso che io ho proprio dato voto favorevole) il Piano di Recupero di Via Milano dal punto di vista urbanistico/edilizio, stiamo ancora aspettando che l’assessore Maione (assessore ai Servizi Sociali) ci presenti il suo Piano Sociale per l’area indicata. Già avevo dichiarato in occasione del voto di marzo la difficoltà a votare un provvedimento incompleto, ma mi ero fidata delle affermazioni fatte durante la seduta di Consiglio che davano per prossima la presentazione del Piano. Sono passati quasi 7 mesi e nulla è stato fatto. Non mi pare il modo migliore per procedere. Qui si rischia solo di parlare tanto, troppo.

condividi:

6 Responses to “L’assessore Maione che fa in via Milano? Nulla.”

  1. camilla ha detto:

    sì ecco…io la vivo quotidianamente via Milano, ho uno studio ormai da 12 anni qui, diciamo che sto “aspettando” anche perchè so del piano sociale e in generale della riqualificazione. A parte alcuni cartelli che annunciano il “fatto” è ancora tutto da fare.
    ciao
    camilla

  2. Simone ha detto:

    Dai Laura! sempre severa e impaziente!
    Maione è ancora occupato a scrivere le relazioni per le spese della carta di credito del comune, appena avrà finito si occuperà anche di altro …
    http://www.bsnews.it/notizia.php?id=3311

    In realtà il problema vero (e tragico) è quello dell’altro (assessore) che dice cose che non esistono …

  3. Jebediah Wilson ha detto:

    non l’ha ancora preparato perchè era a pranzo… dal 23 marzo 2010

  4. Daniela ha detto:

    Per Simone: si si, anch’io ho l’abitudine di criticare chi fa qualcosa di concreto, piuttosto che chi non fa niente..P.C.: mariolabolani.it e la sua bacheca in fb negli ultimi giorni, potrà notare quanti sono i cittadini a “criticare” e ritenere un problema tragico la sua politica dei fatti..

  5. Andrea ha detto:

    Ben venga un piano di recupero a 360° …ma sono scettico per quanto riguarda le modalità di attuazione esplicitate.
    Fra le righe dell’articolo nella seguente pagina (http://www.mariolabolani.it/?p=4918) si parla di “..sostegno al commercio italiano” ora spero che ci si riferisca al commercio fatto in italia..e non al commercio fatto da italiani “D.O.C.G.” …perchè se fosse così potrei interpretare il fatto come discriminante….in più in un paese liberale come il nostro un comportamento del genere risulterebbe bizzarro.
    Magari potreste aiutarmi a dissipare i miei dubbi.

  6. Simone ha detto:

    @Daniela: non ho detto che non fa niente!
    so che fa tanto! (e spero che tu possa concordare che si possa criticare la qualità e la bontà di alcune cose fatte)
    ma ho detto che, ogni tanto, dice cose che non esistono, è un concetto abbastanza diverso.
    baci!

Lascia un Commento