Dolore

Laura Castelletti, 11 luglio 2010 » non mi piace, pensieri in libertà

La perdita di un figlio è certamente la cosa più orribile, atroce e ingiusta che a una persona possa accadere. Non esiste un modo migliore o peggiore di perderlo. E’ un dolore insuperabile. Oggi ho pensato, come molti immagino, al dolore dei  genitori di Adam il bambino  di 13 mesi che, precipitando  dal 7° piano della Torre Tintoretto, ha perso la vita. Erano venuti da lontano, dal Marocco, certamente convinti di dare a loro figlio l’opportunità di una vita migliore,… come ogni padre o madre in ogni luogo del mondo. Così non potrà essere. E’ una cosa tristissima.

condividi:

2 Responses to “Dolore”

  1. filippo ha detto:

    cara laura ho letto la notizia e condivido la tua tristezza unita al dolore dei genitori del piccolo Adam Sono momenti che non lasciano spazio a nessuna superficialita’

  2. Carlos Mac Adden ha detto:

    La morte di un figlio è innaturale, forse per questo non esistono parole per identificare i genitori che l’hanno perso. Un figlio rappresenta la prosecuzione di noi stessi, dei nostri ideali, delle nostre speranze, specie per chi in nome di quelle ha lasciato un mondo conosciuto per affrontarne un altro. Chiniamo il capo in segno di rispetto …

Lascia un Commento