Cervelli in fuga: 13° tappa (Julius&Benzo)

Laura Castelletti, 28 maggio 2010 » inviati speciali, mi piace

giovedì 20 maggio
per ora, il nostro viaggio, potrebbe apparire solo culturale e spirituale. in realtà qualche botta di “profanità” ce la siamo permessa. soprattutto in
questi ultimi giorni a shanghai. questa sera la marti ci ha organizzato una cenetta con un suo amico arabo. ritrovo ore 19, in un ristorantino giapponese niente male, vicino ad una delle vie più in della città!
ad attenderci c’è questo ometto, sui 35, viso piacevole, inglese semplice. un tipo giusto, che la sa lunga. ha studiato in america, conosce l’italia,
ed ora vive in cina da alcuni anni. i suoi racconti tengono banco. ma il culmine viene raggiunto quando senza troppi giri di parole, inizia a prendere in giro l’italia ed i suoi potenti, primo fra tutti el sior berlusconi… sorvoliamo! terry, questo è il suo nome, si definisce un business man, i suoi affari si svolgono tra arabia e italia, ma non capiamo bene di cosa si occupi esattamente!


la cena è ottima, ed il prezzo fisso di 160 rmb (circa 20 euro) ci permette di spaziare dal pesce alla carne, anche se quest’ultima, cucinata proprio
davanti a noi da un cuoco che maneggia palette e coltelli manco fosse un samurai, a nostro avviso, non ha paragoni. l’atmosfera ed un buonissimo saké (ci avvaliamo del diritto di non far sapere quante bottiglie abbiamo svuotato), rendono la nottata della big city intrigante e giovane!
il nostro nuovo amico, infatti, ci propone alcuni posticini dove andare a bere ed ascoltare musica.  dopo un paio di tappe, belli allegri, arriviamo al mr & mrs bund. prezzi e musica occidentali, ma ballare sulla terrazza con di fronte la pearl tower non ha prezzo! qui conosciamo una cinese, un sudafricano, un australiano e naturalmente un italiano oltre a tantissime altre persone di cui non ricordiamo molto. la nostra nottata si conclude circa alle 4 e, dopo aver scambiato tutti i contatti, ci diamo appuntamenteo l’indomani al m1nt club.

venerdì 21 maggio
sveglia orario vacanze estive, per smaltire la sbornia presa… si va nella città vecchia! rimane spostata dal centro attuale e per raggiungerla impieghiamo circa mezzora di metro. il posto è carino, caratteristico all’apparenza. ma tra le viuzze scopriamo che di antico c’è ben poco. tutti negozi adibiti per i copiosi turisti che ogni giorno affollano queste viuzze così carine. tornati in ostello, decidiamo di andare a cena all’ultimo piano dell’hotel in cui pernottano benzo e luca. la caratteristica di questo ristorante è che gira, facendoci godere di tutto lo skyline a 360 gradi. in realtà non vediamo molto a causa dello smog semi perenne che avvolge la città … anche se la cena è buona, decidiamo di rifarci andando in un lounge bar, il jade, al 36 piano dell’hotel shangri-la.

siamo di fronte e vicinissimi alla pearl tower, luci soffuse, musica dal vivo e divanetti comodi, conditi con un buon mojito ci rilassano a tal punto che luca e martina decidono di andare a dormire! rimaniamo solo in due, per l’ultima nottata cinese, e naturalmente non ci tiriamo certo indietro. come da appuntamento ci dirigiamo al m1nt tutti entusiasti ma, all’ingresso, ci dicono che soltanto i possessori di una tessera vip e tramite prenotazione vi si può accedere. non ci perdiamo d’animo e ci dirigiamo subito verso altre sponde ma non contenti dei risultati, proviamo a contattare l’italiano conosciuto la sera prima. scopriamo che lui è al m1nt, essendo a shanghai già da un mese, sa come muoversi in questi ambienti e ci invita ad andare. non ci facciamo attendere, e grazie a lui, riusciamo ad entrare senza problemi.

Il M1NT è una discoteca all’ultimo piano di un palazzo, 2 sale, molti occidentali. La cosa che ci colpisce di più è l’acquario lungo 20 metri che
si trova in uno dei corridoi, con all’interno alcuni squaletti… finalmente la nottata ha inizio! Federico, l’amico italiano, ci fa da guida, facendoci notare le bellezze locali! Non passa molto tempo che veniamo fermati da due ragazze cinesi, che ci invitano al loro tavolo, offrendoci da bere champagne e non solo. Eh si, proprio così, qui in Cina sono le ragazze ad offrire da bere agli uomini. Qualcuno direbbe che è il paradiso… La serata finisce. Tutti pronti per tornare a fare i bagagli. Martina parte in Mattinata con scalo ad Amsterdam, Giulio in serata direzione Sydney e Benzo e Luca, in tarda nottata direzione Doha e, solo dopo scalo di venti ore, Milano Malpensa!

In mancanza di foto scattate da Giulio in discoteca, dovrete accontentarvi
di quelle fatte con la macchinetta di Benzo.. speriamo rendano l’idea
dell’atmosfera!!

Benzo&Julius

condividi:

Lascia un Commento