C’è chi ha detto “lascio l’auto per il mezzo pubblico!”

Laura Castelletti, 30 luglio 2010 » mi piace, mobilità

E’ confortante sapere che ci sono città (Fierenze) in cui sono in tanti ad abbandonare l’auto per il mezzo pubblico. Si può fare!

condividi:

6 Responses to “C’è chi ha detto “lascio l’auto per il mezzo pubblico!””

  1. Marina Mangano ha detto:

    ANCH’IO HO APPESO AL CHIODO L’AUTOMOBILE DA QUALCHE ANNO.
    HO DECISO CHE USANDO I MEZZI PUBBLICI HO UN SACCO DI VANTAGGI: IL RISPARMIO ECONOMICO E’ INDUBBIO, LA MIA QUALITA’ DI VITA SENZA STRESS E ANSIA DA TRAFFICO E’ NETTAMENTE MIGLIORATA, TRA UN AUTOBUS E L’ALTRO CAMMINO E ANCHE QUESTO E’ SALUTARE …
    DEVO INOLTRE PRECISARE CHE A BRESCIA CON I MEZZI VAI OVUNQUE, DEVI SOLO CALCOLARE DEI TEMPI PIU’ LUNGHI, MA BASTA ORGANIZZARSI !!!!
    QUANDO POI VADO A ISEO A TROVARE MIA MAMMA C’E’ IL TANTO BISTRATTATO TRENINO DELLA VALLE CAMONICA CHE E’ UNA GODURIA: IL 20 MINUTI RAGGIUNGI L’AMENO PAESELLO SUL LAGO OMONIMO, COMODAMENTE SEDUTA ATTRAVERSI L’INCANTO DELLA FRANCIACORTA E I SUOI VIGNETI, QUANDO SCENDI NON HAI NESSUNA AUTO DA PARCHEGGIARE, NESSUN PARCHIMETRO DA RIEMPIRE, SEI GIA’ SUL LAGO E ASSOLUTAMENTE RILASSATA.
    VI PARE POCO ????

  2. Laura Castelletti ha detto:

    leggerti è un piacere!

  3. mario.v ha detto:

    quello che ha scritto Marina dovrebbe farci riflettere tutti, in primis chi è preposto a far si che il mezzo pubblico ed il servizio pubblico non venga penalizzato, ma che almeno abbia le stesse opportunità e risorse dell’ auto!!

  4. Qol Sakhal ha detto:

    Uso l’auto solo raramente e mai in città; la bici è più pratica, più veloce, costa poco (se non te la rubano), è salutare. Peccato che le piste ciclabili sono poche e mal tenute. Servizio autobus in caso di mal tempo. Per quanto mi riguarda sarei molto favorevole a chiudere tutto il centro storico alle auto; con un potenziamento del servizio pubblico anche i commercianti del centro potrebbero essere soddisfatti, almeno quelli che vedono un po’ oltre il proprio naso.

  5. Marco Cornali ha detto:

    Speriamo di poter leggere nel 2013 sui nostri quotidiani «Lascio l’auto. Mi piace la metropolitana».
    Speriamo che i bresciani apprezzino come i fiorentini le qualità e i benefici che il nuovo mezzo di trasporto offrirà all’area metropolitana.
    Probabilmente in molti hanno un’idea piuttosto astratta di quello che sarà il metrobus e ora percepiscono esclusivamente i disagi dovuti ai lavori.
    E’ affascinante pensare di poter attraversare la città in pochi minuti (ad esempio Volta-Ospedale 11′) senza dover pensare al traffico e a snervanti giri a vuoto per cercare un posto auto.
    Speriamo anche che, nonostante le difficoltà economiche del momento, non restino incompiuti importanti aspetti delle opere complementari strettamente necessari per integrare il metrobus alla città.
    Un’ultima osservazione. La nuova campagna di comunicazione posta sulle recinzioni di alcuni dei cantieri della metropolitana è semplicemente fantastica e secondo me è la migliore in assoluto tra quelle che fino ad oggi si sono susseguite.
    Le immagini rappresentano degli omini di carta ritagliati ed uniti da un percorso che al posto delle fermate riporta le principali qualità e caratteristiche che contraddistingueranno la nostra metropolitana: luminosa, silenziosa, facile, sicura, bella e comoda.
    Messaggi chiari e incisivi con il chiaro intento di valorizzare l’immagine e le qualità della nuova infrastruttura che tra non molto diventerà patrimonio fruibile per tutti i cittadini.
    Nei messaggi sono riportate spesso le parole “mio, mia, mie, miei” quasi a voler rimarcare il senso di appartenenza dell’opera al territorio purtroppo ancora oggi non percepito appieno.

  6. mario.v ha detto:

    Ricordo che i fiorentini hanno il tram.La metrobs sarà tutta da scoprire.

Lascia un Commento