Brescia città per lo sport #BresciaCambia3

Laura Castelletti, 24 gennaio 2017 » Loggia, mi piace, sport e salute

Una cosa che possiamo affermare senza il rischio di essere smentiti è che in questi anni la nostra Amministrazione ha recuperato il grave ritardo che gravava sull’impiantistica sportiva, riportato lo sport al centro delle azioni di Governo della città. L’elenco è significativo di piccole, medie e grandi opere tutte molto attese.

A Mompiano abbiamo finalmente dotato il Bocciodromo di impianto di riscaldamento sui campi e di climatizzazione in uffici e bar. Sembra poca cosa, ma è cambiata la qualità del servizio e le frequentazioni sono diventate più assidue.

 

 

A San Polo abbiamo posato la prima pietra della Club House del campo di rugby Invernici, appuntamento attesissimo dalla società e dai tanti ragazzi  e adulti che praticano questo sport.

 

 

A Urago Mella abbiamo inaugurato qualche settimana fa il nuovo Polivalente e abbiamo, in collaborazione con il rugby Fiumicello, completato i campi del Menta.

 

 

In fase di realizzazione:

A Sanpolino verrà realizzata questo anno  una nuova pista di atletica per ridare finalmente ai tanti atleti cittadini e agli studenti delle nostre scuole, dopo anni di privazione, un vero impianto. Una struttura che, facilmente accessibile grazie alla fermata della metro, darà anche  nuove prospettive alle attività commerciali del quartiere.

 

 

A Chiesanuova, a sud est della città sarà riqualificato e realizzato il nuovo Palazzetto dello sport Eib che prenderà il nome di Palaleonessa. Dopo 29 anni e tante promesse noi abbiamo parlato poco e avviato i lavori.

 

 

Sarà inoltre bonificato il campo di atletica Calvesi a due passi dal quartiere Primo Maggio, la cui dotazione finanziaria è stata confermata prima di Natale dal ministero dell’ambiente nell’ambito della più ampia operazione di bonifica di Porta Milano.

 

 

Grazie al protocollo sottoscritto con gli oratori si procederà con i rifacimenti dei campi di calcio della Volta, di Mompiano, di Urago Mella, del Villaggio Sereno e di altre piastre sportive dando ai nostri ragazzi impianti all’altezza delle loro necessità.

 

 

Si stanno ultimando i lavori per il campo di Cricket in via Gatti. Questo è frutto dell’accordo con l’ATI, la realtà  che ha realizzato il metro e che ha poi restituito alla città l’area cantiere da noi trasformata in area utile per l’attività sportiva.  Il cricket per ragioni di sicurezza non deve essere praticato  nei giardini pubblici ma in impianti dedicati, noi abbiamo pensato anche a questo.

 

 

C’è poi il capitolo stadio, non in capo all’amministrazione, ma per il quale attendiamo fiduciosi che il Brescia Calcio presenti a primavera lo studio di fattibilità per un nuovo Rigamonti.

 

Una scelta, quella d’investire nello sport, fatta con la convinzione che questo sia un investimento a favore dell’aggregazione e dell’inclusione,  del  contrasto al disagio giovanile, della prevenzione sanitaria, della lotta alla solitudine e alla emarginazione. Essere comunità passa anche attraverso lo sport.

 

 

Tutti gli spazi sportivi elencati sarebbero splendidi involucri inutili se non ci fossero  tanti cittadini che si dedicano volontariamente e gratuitamente ad allenare, gestire e seguire in ogni modo le associazioni sportive e a fare con noi politiche di avviamento allo sport, nelle scuole, nei parchi, nelle palestre.

Accanto a loro ci sono, e non vanno dimenticati,  gli organizzatori dei grandi e medi eventi sportivi che animano la città e sono una ricchezza insostituibile.

condividi:

2 Responses to “Brescia città per lo sport #BresciaCambia3”

  1. Roberto ha detto:

    Questo è un tema che mi sta molto a cuore e Laura lo sa molto bene.
    Cerco di vedere le cose obiettivamente e quello che vedo è la volontà di dare alla città un nuovo volto, passando anche attraverso l’adeguamento e l’implementazione dell’impiantistica sportiva.
    Credo che lo sport sia per tanti giovani un motivo di confronto, soprattutto con se stessi, avere come target il miglioramento delle proprie performance atletiche e mentali, fa si che i ragazzi si concentrino su qualcosa di positivo, la diretta conseguenza di tutto ciò è un deciso miglioramento dei rapporti interpersonali e della qualità di vita.
    Bene quindi così, proseguiamo su questa strada, così come dobbiamo insistere su quella della cultura.

  2. Luciano ha detto:

    Non c’è alcun dubbio che in questi ultimi anni il tema sport è stato messo al centro dell’attenzione della Amministrazione Comunale ed è bello che non ci si sia buttati su l’organizzazione di grandi eventi ma sulla realizzazione di opere magari non eccezionali ma tali da essere fruibili dagli sportivi bresciani.

Lascia un Commento