Bossi e la palude

Laura Castelletti, 29 dicembre 2010 » non mi piace, politica

Questa sera Bossi, a proposito delle certezze di Berlusconi, dice : «Noi siamo un po’ nella palude romana. Mancano un po’ i numeri e speriamo che Berlusconi li abbia trovati. Siamo nella palude romana, non è facile venirne fuori». Ancora: «Ho sentito Berlusconi alla tv, Berlusconi parla di grandi riforme e numeri in eccesso: non è proprio così, perché i numeri scarseggiano. Siamo nella palude romana, ma siamo ancora vivi e stiamo combattendo. Alla fine chi la dura la vince».

Sulla vicenda Belpietro aggiunge : «Bisognerebbe che i giornali sparassero di meno, i giornali farebbero bene a vendere un po’ meno copie e a non fare troppo casino» (questa si commenta da sola).

Infine dichiara che «Ci sono milioni di persone al di sopra del Po che ne hanno piene le scatole e che sono disposte a battersi per ottenere la libertà. Alla fine la Padania sarà libera: è un popolo che vuol essere libero e alla fine si libererà».

Ci sono tutti gli ingredienti per pensare  invece che “nella palude della Tristezza” ci siano finiti gli italiani. Quelli  che non inseguono numeri incerti o interessi personali, ma quelli per i quali è in  in arrivo una stangata di oltre 1.000 euro a  famiglia. Quelli che tra rincari di alimentari, benzina, tariffe, assicurazioni e servizi bancari, sanno già che il 2011 sarà «un anno infelice». Quelli a cui in questi giorni è stato detto che  la voce più consistente che peserà sulle famiglie sarà quella alimentare, con aumenti annui di 267 euro, ovvero del 6%, che aumenti sono previsti anche per le tariffe autostradali (+2%), per quelle del gas (+7-8%) e della luce (+4-5%), per quelle dei rifiuti (+7-8%) e per l’acqua (+5-6%).

E’ questa la palude della quale dovrebbe occuparsi chi ha responsabilità di Governo: la palude italiana di chi è in difficoltà.

condividi:

3 Responses to “Bossi e la palude”

  1. vincenzo ha detto:

    Laura,

    quello che è sconvolgente è che il grande popolo Italiano, “democraticamente” delega, le sue sorti a persone squallide e incompetenti. Ma qualche segnale di risveglio si coglie qua e la.

    Ce la faremo, presto questi esseri che popolano le paludi di rosso vellutate, saranno solo un lontano ricordo.
    Una nuova era comincerà. V

  2. filippo ha detto:

    Ciao Laura,

    non è da oggi che il Bossi spara proclami di guerre e successioni.(?)
    è altrettanto vero che non parla mai dei problemi che oggi assillano le famiglie italiane,come è vero che le sue persone siedono nelle cariche piu’ alte di banche,ospedali,municipalizzate etcc.. Ma mi chiedo se il suo proclama «Ci sono milioni di persone al di sopra del Po che ne hanno piene le scatole e che sono disposte a battersi per ottenere la libertà”. Ma lui dove ha vissuto negli ultimi 15 anni insieme al popolo del nord o ( è meglio che stia zitto!!)

    Happy New Year to all

  3. stellina ha detto:

    bravissimi ..sono d’accordo con Laura e Filippo… ma questo sig. Bossi che blatera così tanto dove ha vissuto?..il suo cosiddetto sud..non lo sta forse alimentando??? se sbaglio correggetemi….intanto noi poveri cittadini italiani ne paghiamo le spese.. Siamo nella vergogna più assoluta!… rincari in ogni dove …altro che felice 2011.
    Mi auguro Laura che tu abbia ragione e che gli Italiani finalmente si sveglino, altrimenti è la fine !!!!!!!
    Contiamo sulla intelligenza di ognuno di noi…che abbia un veloce risveglio…. e sicuramente VITTORIA sarà !!!
    Auguri comunque a tutti per un sereno 2011…..
    ciaooooo

Lascia un Commento