Assessore Margaroli ho una domanda a proposito della pizza di Birbes

Laura Castelletti, 10 marzo 2010 » Loggia, non mi piace

Se c’è una cosa che adoro è la pizza di Birbes. Alta, morbida, saporita giusta, non troppo unta e soprattutto  incandescente … se ti danno la prima porzione della teglia. Fa parte dei ricordi di quando ero ragazzina. Appuntamento il sabato sotto Coin, pizza da Birbes e moroso. E’ passato molto tempo da allora. La pizza è rimasta buona, io mi sono sposata e da Birbes vado a far merenda qualche volta con le figlie. Hanno aperto un negozio anche in Via Mazzini, ma se posso resto fedele all’originale di via Cavour.

Veniamo all’attualità. La delibera di Giunta votata lunedi e che presto arriverà in Consiglio Comunale, nata per “fare la guerra ai Kebab” (una delibera che vieta la nascita di nuove attività artigianali e commerciali “non tradizionali” nelle aree di pregio della città) dice in sostanza: niente più nuovi kebab, pizzerie al taglio, piadinerie, rosticcerie e friggitorie da asporto nel centro storico e nelle cosiddette zone di riqualificazione come la stazione e via Milano. Possono restare quelli che ci sono, ma non se ne apriranno più di nuovi.

A questo proposito ho una domanda per l’assessore Margaroli (la formulerò tale e quale in commissione): “assessore, se Birbes  invece che aprire 6 mesi fa la “succursale” in via Mazzini decidesse di farlo ora… che succederebbe? Potrebbe farlo? Gli dareste l’autorizzazione?”

L’assessore Labolani su facebook (vedi bacheca del profilo di Claudio Buizza che ha aperto una discussione sulla delibera) alla stessa domanda mi scrive: “Bella domanda… però il centro storico non può diventare fast food center”. E’ evidente che non risponde al quesito.

Non sono certamente per  il “fast food center” generalizzato, penso però si possa ricercare qualche altro strumento per regolamentare queste attività salvaguardando decoro e igiene del centro (e non riguarda solo i kebab!). Penso alle dotazioni, alle finiture, alle insegne, ma anche ordinanze che obblighino a mantenere pulito davanti al locale. Altre città l’hanno sperimentato, varrebbe la pena provarci. Con una delibera così formulata si corre il rischio di dover rimettere mano, come sempre “strada facendo”, alle decisioni prese quando alla mia domanda se ne aggiungeranno altre simili.

PS. Se qualcuno vuole dilettarsi a catturare fette di pizza con la retina acchiappafarfalle… birbes game
condividi:

6 Responses to “Assessore Margaroli ho una domanda a proposito della pizza di Birbes”

  1. […] Nel frattempo Laura Castelletti si pone una domanda curiosa a proposito del succulento tema “pizzette e kebab in centro” che anche io ho affrontato qui. Se Birbes invece che aprire 6 mesi fa la “succursale” in via Mazzini decidesse di farlo ora… c… […]

  2. Davide Comaglio ha detto:

    niente più nuovi kebab, pizzerie al taglio, piadinerie, rosticcerie e friggitorie da asporto nel centro storico…si rischia di rivitalizzarlo

  3. Paola Cividati ha detto:

    Stessa storia a Manerbio… Francesco Temporin ha attivato un ottima campagna di informazione a tutela e defesa de “La Piadineria” spostando così l’attenzione dai Kebab smascherando, di fatto, il vero problema….

  4. Laura Castelletti ha detto:

    da facebbok:
    Riccardo Mola: condivido incondizionatamente!!

    Ugo Buizza: Sul poca unta avrei da ridire ma per i sapori nostalgici sono d’accordo

    Laura Castellett:i non troppo unta…

    Fabiola Zanetti: Anch’io condivido…vuol dire che andranno tutti alla freccia rossa come peraltro succede già…e poi come si può dire che Birbes non sia tradizionale… lo associo alla mia prima adolescenza e ,da cittadina verace ,ai primi sabato pomeriggio in libertà…oddio sono passati più di trent’anni e come dice mio figlio..mesozoico mamma!!!

    Anna Vitale Santin: si …buona … ma …voi conoscete la pizza( noi la chiamiamo focaccia) croccante quella coi pomodorini schiacciati dentro che si fa e si mangia solo in puglia!!!!

    Fabiola Zanetti: …anche quella di Recco non è male.

    Laura Castelletti :eih ragazze, qui scivoliamo nel ricettario tosto…e io che volevo farvi riflettere sulle ingiustizie subite dai consumatori di pizza e kebab!!!

    Sara Manco: ..kebab…..????? VIVA LA PIZZA!!!!!!!!!!!!!!

    Fabiola Zanetti: infatti viva la pizza di birbes…..

    Carlos Mac Adden: Sapete quella cosa, vecchia, trita, ritrita, che le nostre mamme e ancor più (per tradizione) le nostre nonne usavano e citavano? Il caro, obsoleto buon senso. Se posso azzardare, senza scivolare nel ricettario, un poco di buon senso, anche del gusto, basterebbe a risolvere parecchi problemi. Di alcune pizze al taglio farei volentieri a meno, di altre no (ne volete una che apprezzo? Da Paolo in Via Bassi), lo stesso dicasi per il Kebab. Ma stiamo, velocemente, perdendoli, buon senso e buon gusto …

    Officina Under Ventuno :Siamo perfettamente d’accordo… Pensi che pure noi avevamo scritto un articolo praticamente uguale al suo qualche mese fa….!!??!!http://parlabrescia.it/u21/2009/06/15/mai-piu-pizzetta-di-birbes/

    Laura Castelletti: mi era sfuggito…fantastico, sono sintonica con gli under ventuno…mi piace!

    Giorgio de Martin: Laura ma nn ti viene il dubbio ke vogliano renedere difficile la vita a kebab e pizza xkè nn permettono di pagare con la carta di credito???

    Nicolò Gatta: Tra l’altro il kebabbaro di Via Cremona è il locale + pulito che conosca: provare per credere!

    Fortunato Campopiano: dovresti aggiungere anche queste domande per farti due risate:

    – Ma il libero mercato che fine fà?
    – Cosa rientra nella tradizione visto che neppure la polenta è nata a BS?
    – vi siete accorti che farete un super regalo a chi gia possiede un un negozio simile? non avrà più la preoccupazione della concorrenza e in due giorni si vedrà moltiplicare il valore dell’attività, e la liberalizzazione delle licenze che fine fà?

    Matteo Meroni: alle sbersine andrebbe data una bella medaglia

    Sergio Vitali: La pizza di Birbes?
    Fantastica! pero’ mi ricorda i tempi in cui bruciavo alla Pastori… Da asen…

  5. Girgis Sorial ha detto:

    Ma il problema è veramente Birbes?!?!?
    Rispetto i sapori nostalgici e gli odori che riportano alla giovinezza o anche all’infanzia, ma vogliamo amministrare la città in funzione dei ricordi e del passato?
    Sul passato si costruisce il futuro e nel nostro futuro c’è il mix, di sapori, odori e colori.
    Le persone nostalgiche rimangono conservatrici, e di persone conservatrici e mi passi il termine “antiche” ne abbiamo viste passare tante, di destra sinistra e pure centro.
    Continuo a chiedermi i problemi di Brescia sono veramente i Kebab? Cioè è di questo che vogliamo discutere?

    Probabilmente su un paio di questioni sulla pubblica amministrazione saremo d’ccordo, su molte altre no, ma penso che il problema principale di chi ragiona in questo modo è la gran mancanza di buon senso. Vogliamo continuamente sottolineare differenze tra noi e gli altri, tra italiani e stranieri, perché non riusciamo a consolidare una nostra identità a fronte di un dovuto sviluppo sociale e viviamo in un paese tale che alcune volte non siamo poi così differenti da dove vengono queste persone.
    Ma la differenza di cui mi accorgo subito è questa, che la prossima volta da Birbes la accoglieranno con un sorriso più grande che mai, fieri di un consigliere che fa loro pubblicità e li cita durante le commissioni, mentre io la prossima volta mi mangerò il solito panino, servito dal solito ragazzino, che pensa a rimanere a galla con il suo negozietto e non chiede pubblicità a nessuno.

  6. Girgis Sorial ha detto:

    Ma il problema è veramente Birbes?!?!?
    Rispetto i sapori nostalgici e gli odori che riportano alla giovinezza o anche all’infanzia, ma vogliamo amministrare la città in funzione dei ricordi e del passato?
    Sul passato si costruisce il futuro e nel nostro futuro c’è il mix, di sapori, odori e colori.
    Le persone nostalgiche rimangono conservatrici, e di persone conservatrici e mi passi il termine “antiche” ne abbiamo viste passare tante, di destra sinistra e pure centro.
    Continuo a chiedermi i problemi di Brescia sono veramente i Kebab? Cioè è di questo che vogliamo discutere?
    Probabilmente su un paio di questioni sulla pubblica amministrazione saremo d’ccordo, su molte altre no, ma penso che il problema principale di chi ragiona in questo modo è la gran mancanza di buon senso. Vogliamo continuamente sottolineare differenze tra noi e gli altri, tra italiani e stranieri, perché non riusciamo a consolidare una nostra identità a fronte di un dovuto sviluppo sociale e viviamo in un paese tale che alcune volte non siamo poi così differenti da dove vengono queste persone.
    Ma la differenza di cui mi accorgo subito è questa, che la prossima volta da Birbes la accoglieranno con un sorriso più grande che mai, fieri di un consigliere che fa loro pubblicità e li cita durante le commissioni, mentre io la prossima volta mi mangerò il solito panino, servito dal solito ragazzino, che pensa a rimanere a galla con il suo negozietto e non chiede pubblicità a nessuno.

    pemettetemi:

    http://www.bresciapoint.it/il-punto-girgis.html

    Grazie.

Lascia un Commento