A proposito di bici e di piste ciclabili (di Stefania Itolli inviata al fronte ambientale)

Laura Castelletti, 13 aprile 2010 » inviati speciali, mi piace

Il Ministero dell’Ambiente in occasione della prima edizione della Giornata Nazionale della Bicicletta, che si terrà il 9 maggio, dedica a tutti i comuni italiani il concorso Bicity 2010. Il premio verrà assegnato alla pista ciclabile più lunga (per aderire Il 30 aprile è la data di scadenza). Una buona occasione per promuovere l’impegno dei Comuni a favore di una città più vivibile e a misura d’uomo. Sapremo cogliere questa opportunità e dare una definitivo impulso al piano “piste ciclabili” dell’Ass. Orto? Correlato a questa iniziativa e allo sviluppo della mobilità sostenibile il prossimo stanziamento di 14 milioni di euro da destinare ai Comuni, tramite apposito bando, per finanziare la realizzazione di progetti di Bike Sharing. Per saperne di più http://giornatadellabicicletta.minambiente.it/

condividi:

2 Responses to “A proposito di bici e di piste ciclabili (di Stefania Itolli inviata al fronte ambientale)”

  1. Ilaria ha detto:

    per dovere di cronaca segnalo che il Comune di Brescia – Settore Mobilità e Traffico; Brescia Trasporti SpA; Brescia Mobilità SpA; Università degli Studi di Brescia – Dipartimento DICATA stanno lavorando al progetto europeo CIVITAS…una delle misure che si prevede di adottare è “Miglioramento della sicurezza per i ciclisti”.
    vi lascio il link:
    http://www.tplbrescia.it/civitas/civitas.html

  2. ste ha detto:

    Piste ciclabili a Brescia? Un’utopia nella città del SUV, del “Merca, del Porsche etc etc…
    Chi parla di piste ciclabili o progetta piste ciclabili, dovrebbe essere un utilizzatore giornaliero ed abituale della bicicletta.
    Come è ovvio a Brescia questo non succede.
    Le finte piste ciclabili di Brescia (e dintorni) sono fatte stando seduti ad un tavolo e tirando righe gialle su una cartina. Poi magari la domenica mattina (quando la città è vuota) questi vanno a fare colazione o a comperare il giornale in bici e si compiacciono delle meravigliose piste ciclabili di Brescia e di come è bello e salutare spostarsi in bicicletta in città.
    Dire che a Brescia abbiamo “n” Km di piste ciclabili è bella cosa. Ma dire che queste funzionano o che lo siano realmente… non è vero.
    Non basta una riga gialla in terra a lato strada per fare una pista ciclabile.
    E poi qui noi non abbiamo la cultura dello spostarsi “fuori dall’auto”. Sono le 13e13 d sabato e in via Trieste c’è la coda di genitori “apprensivi” che ritirano i figli a scuola. Tutti, tutti tutti in auto. Da 15 minuti via Trieste è in coda. E’ mai possibile questo in una città piccola come la nostra? E’ solo folle!
    Dobbiamo ancora farne parecchia di strada. Magari non in auto però!
    Allo stato attuale delle cose, non credo ad una parola letta nella sezione “Miglioramento della sicurezza per i ciclisti” e in particolare alla voce “stato di avanzamento”. Mi dispiace.

Lascia un Commento